fbpx

La differenza tra chi sei e chi vorresti essere è in ciò che fai

Due settimane fa abbiamo parlato di DESIDERARE. Se hai fatto i compiti a casa hai desiderato per bene quel che vuoi e hai messo sulla carta il tuo desiderio. Queste due frasi sono diventate due nuove affermazioni per i tuoi Miracle Morning. Sono passate due settimane e le hai ripetute diligentemente tutti i giorni ma ancora ti sembrano un po’ lontane, quasi irraggiungibili.

 

Bene, proviamo a pensarci, come mai il tuo desiderio oggi è solo un pensiero sulla carta? Avrai mille motivi da addurre: mi manca il tempo per fare palestra, cambiare stile alimentare mi è difficile, anzi è proprio una montagna da scalare, il mio metabolismo è lento, con la mia costituzione non c’è niente da fare, ho provato tante volte a dimagrire ma poi ingrasso di nuovo…

 

Prova a guardarti intorno: non ti dico di guardare le modelle sui giornali, quelle sono davvero irraggiungibili per un solo motivo che si chiama Photoshop, ma guarda le donne magre e in forma come vorresti essere tu. Cosa fanno? Pensi che se ne stanno sul divano a mangiare patatine la sera? Di solito le donne in forma fanno tre cose: mangiano bene fanno qualche sport oppure hanno integrato il movimento nella loro giornata, camminano, vanno al lavoro in bicicletta, fanno le scale in ufficio invece che prendere l’ascensore e curano il loro corpo. Non c’è nessun miracolo nella forma fisica degli altri. Sono davvero poche le persone che mangiano tanto o mangiano schifezze e sono in forma. Il restante 97% cura l’alimentazione, si allena, si vuol bene, tratta con rispetto il suo corpo. Non ci sono scorciatoie.

 

La buona notizia è che puoi facilmente DIVENTARE una di loro. Bisogna solo cambiare alcune abitudini che hai oggi e implementarne alcune che siano più consone al tuo obiettivo. Forse ti senti alla base di una scala di molti gradini ma tu hai già fatto il primo gradino, hai definito quel che vuoi, ora devi DIVENTARE la persona che farà le scale facilmente e arriverà all’ultimo piano, cambiando le tue abitudini.

Ecco entrare in campo il tuo Miracle Morning finalizzato.

La ripetizione dei SAVERS ogni giorno produce misteriosamente dei cambiamenti NELLA MENTE e nelle abitudini vere e proprie che la te stessa MAGRA e in FORMA persevera. La te stessa versione 2.0 che farà la scala fino all’ultimo piano facilmente. Si, facilmente. Quando avrai eliminato le resistenze tutto verrà FACILE. Te lo garantisco. Se hai fatto la fatica di esprimere il sogno senza autolimitarti, anzi proprio per questo, all’inizio leggere il tuo obiettivo ti sembra una favola. Non ti sembra che parli di te, giusto?

Sono le tue RESISTENZE che parlano. Non è il tuo desiderio. TUTTO IL LAVORO DEL MATTINO SERVE A UN SOLO SCOPO: LASCIARE ANDARE LE RESISTENZE.

Riprendi le frasi che hai scritto sul tuo desiderio in cima alla lista delle tue affermazioni del mattino. Accanto CHI devi diventare (che tipo di donna) perché il desiderio si avveri.

COSA FA quella persona quando il desiderio si è avverato.

Usa la fantasia. Chi è, come si sente e poi cosa fa per raggiungere l’obiettivo, ad esempio quali sono le cose che fa nella sua giornata. Supponiamo che tu abbia scelto le due definizioni “io voglio pesare xx kg” e “Io voglio essere orgogliosa delle mie foto in bikini il prossimo anno al mare”

  • CHI DEVO DIVENTARE: salgo sulla bilancia una volta a settimana e anche questa settimana peso xx kg. Sono orgogliosa del mio corpo, a mio agio quando mi metto in costume da bagno, spigliata davanti alla macchina fotografica, esperta dei punti di forza e di debolezza del mio corpo per decidere le pose che mi valorizzano.
  • COSA DEVO FARE: per perdere peso mi impegno a mangiare meglio e dimagrire quei chili (quanti?), ad allenarmi tre volte alla settimana, a camminare ogni giorno venti minuti; per sentirmi orgogliosa del mio corpo e a mio agio quando metto il costume mi impegno a conoscere bene il mio corpo e a trattarlo meglio, a guardarmi allo specchio ogni giorno e dirmi che mi piaccio e ho piacere a mettermi in costume, infine per essere spigliata davanti alla macchina fotografica faccio pratica con mio marito; per conoscere le pose che mi valorizzano di più posso studiare le basi della fotografia, oppure le mie vecchie foto che considero “belle” o le foto che ritraggono donne come vorrei essere e copiarne le inquadrature.

Come hai visto, ho SVILUPPATO le idee dentro le mie affermazioni e le ho trasformate in caratteristiche della donna che voglio essere e in azioni che voglio eseguire e ora posso VISUALIZZARE queste azioni da fare durante la giornata. Posso inoltre visualizzare il risultato finale ovvero che sono al mare e mio marito mi fa le foto ed io sono finalmente soddisfatta del mio corpo e sorrido all’obiettivo. Visualizzo il mio corpo meraviglioso, magro e degno di ammirazione. Visualizzo che mi sento una diva davanti all’obiettivo. Sento la brezza marina e il calore del sole sulla pelle, ascolto il canto dei gabbiani e guardo l’orizzonte.

La visualizzazione va inventata coinvolgendo i sentimenti. Devi “sentire” che sei in quella situazione con i cinque sensi, devi immaginare quel che provi, cosa vedi, cosa senti con i cinque sensi e con i sentimenti quando raggiungi l’obiettivo.

TI VIENE DA RIDERE, LO SO. TU ORA NON CREDI POSSIBILE CHE IN UN ANNO LE COSE CAMBIERANNO COSI’ TANTO. C’è un trucco per aggirare le resistenze: cercare un piccolo pensiero di sollievo che ti porti più vicino al pensiero finale. Ad esempio se la tua resistenza è: “non trovo il tempo di andare in palestra”, il piccolo pensiero di sollievo è “posso fare ginnastica per iniziare dieci minuti nel mio miracle morning ed è già un ottimo passo, poi penserò meglio a come organizzarmi”, oppure “camminare mezzora al giorno sostituisce egregiamente l’attività aerobica”. Se il tuo pensiero limitante è “ci ho provato tante volte ma non ci sono mai riuscita” il piccolo pensiero di sollievo può essere “forse stavolta ce la posso davvero fare, mi sento un po’ diversa”. Niente di stravolgente, piccoli passi di fiducia verso te stessa. Un gradino al giorno, anche meno, ma in direzione del tuo obiettivo.

Ripeti davanti allo specchio le tue affermazioni, ripeti anche i pensieri di sollievo dalle resistenze. Per 30 giorni. Un bel giorno, te lo garantisco, il tuo cervello farà CLICK e comincerai a CREDERE POSSIBILI le cose che ti ripeti ad alta voce che adesso ti sembrano assurde. Senza nemmeno accorgerti comincerai a fare alcune delle azioni che adesso ti stai dicendo che “quella donna” che sei tu da magra, agisce.

Il GIORNO CHE IL TUO CERVELLO FARA’ CLOCK RINGRAZIA PIU’ DEL SOLITO. E’ L’INIZIO DEL VERO SUCCESSO, PERCHE’ COMINCERAI A TRASFORMARTI NELLA PERSONA CHE AGISCE.

Per quel che riguarda gli altri SAVERS: trova una meditazione guidata che ti aiuti a credere in te stessa, oppure scegli la meditazione del respiro, la minfulness. Fai dieci minuti di stretching. Per la lettura scegli un libro che parli di forma fisica e/o di valorizzazione davanti all’obiettivo o entrambe le cose insieme. Scrivi nel diario della gratitudine: ”sono grata perché oggi ho il più bel corpo della mia vita”.

Un bacione, alla prossima

Tully

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *