Keto in pillole: quale macronutriente si mangia per primo?

Quale macro mangiate per primo solitamente ❓

La cosa migliore sarebbe di iniziare sempre dalle verdure in modo da non abbondare o esagerare con le proteine. Mangiare troppe proteine rispetto a quanto ne ha bisogno il tuo corpo, può portare a picchi di insulina con conseguente sonnolenza dopo il pasto o addirittura a farti uscire dalla chetosi in quanto eccesso di proteine potrebbero trasformarsi in glucosio.

REMINDER: la keto non è una dieta iperproteica, il consumo di proteine è moderato!

 

*Fonte: Dr Berg

4 commenti su “Keto in pillole: quale macronutriente si mangia per primo?”

  1. Ciao! Tutto molto interessante e importante. Solo un dubbio: quando mangio un etto di cavolfiore a pranzo e 250 g di bietole bollite a cena (e cotte sono veramente poche!), il contatore dei carboidrati segna già 22… praticamente non potrei mangiare neanche un petto di pollo, una pelle di pesce o una crosta di formaggio… com’e’ la storia? Mi spiegheresti se la qualità dei carboidrati delle verdure (quelle consentite, naturalmente e quindi con Ig molto basso) è diversa da quella dei carboidrati ‘farinacei’. Posso insomma sbizzarrirmi con le verdure consentite? Per il resto mi trovo molto più tranquilla col calcolo di proteine e grassi, che ritengo preciso e affidabile. Grazie mille!

    1. Ciao Claudia,
      quando parli di contatore di carboidrati stai facendo riferimento a quelli totali o netti?
      Se consideri i carboidrati netti, 100g di cavolfiore e 250g di bietole sono circa 7g. Credo quindi che i tuoi 22g facciano riferimento ai carboidrati totali ma che il tuo macro di carboidrati riguardi quelli netti, sbaglio?

  2. carissima Daniela! ti ringrazio per la risposta e mi scuso per il mio ritardo, ma non riuscivo più a trovare la sezione nella quale avevo inserito la mia domanda.
    dunque, mi condiglieresti come calcolare questi macro-nutrienti? temo di mangiare troppo poco a volte, proprio perché il calcolatore conta i carboidrati, ma non i carboidrati netti. Avevo fatto una ricerca (un po’ veloce in realtà, ma volevo appurarla con qualcuno più esperto) e avevo visto un articolo in cui veniva sottolineata l’importanza di calcolare correttamente i carboidrati netti con una semplice operazione: per 100 g di prodotto vedere i carboidrati e sottrarre le fibre contenute e così abbiamo i carboidrati netti. Scaricare quindi una tabella con tutti gli alimenti e prestare molta attenzione alla lettura delle etichette per calcolare i carboidrati netti. Nello specifico ho trovato un pane ketogenico che per 100 g ha7 g di carboidrati e 12 fibre. Quindi, se applico la sottrazione, questo pane non possiede praticamente carboidrati e non devo neanche segnare zuccheri o alchol, in quanto non ne ha. Ti trovi in questo calcolo?
    L’articolo viene da questo sito: https://www.piuvivi.com/alimentazione/come-calcolare-carboidrati-netti-nei-cibi.html. A mio parere il più chiaro sull’argomento. bacioni!! ora ti seguo anche su Instagram, insieme a Barbara (altra mia Keto-guru!). grazie e ciao!

    1. Ciao Claudia, per il calcolo dei macronutrienti trovi qualche articolo qui sul sito. Basta che scrivi “macro” dove c’è l’area CERCA e ti escono.
      Per il calcolo dei carboidrati netti, a parer mio bisogna imparare a leggere le etichette ed informarsi correttamente.
      In Europa la maggioranza delle etichette (intendo di prodotti confezionati) considerano già i carboidrati netti e anche Myfitnesspal (che è la app che uso per calcolare i macro quando è necessario). Per le verdure, puoi fare anche un controllo tramite Google.
      Per i prodotti considerati proteici o keto, fai molta attenzione sia ai valori nutrizionali che agli ingredienti. Ricordiamoci sempre che dietro un prodotto c’è marketing e vendita, bisogna essere un po’ caute nella selezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *