fbpx

Per ottenere ciò che desideri, devi diventare la versione migliore di te stessa

Bentornata!

Come stai?

Io sono carica di entusiasmo nuovo. Il rientro dalle vacanze per me è un momento classico di buoni propositi e scommetto che è così anche per te, vero?

Settembre è il mese in cui i ragazzi ricominciano ad andare a scuola, le palestre registrano il boom di abbonamenti, le diete sulle riviste femminili si sprecano, le pubblicità sui corsi a fascicoli alla tv ci bombardano. Parola d’ordine: ricominciare.

Da oggi mangio meglio, faccio ginnastica, metto la crema anticellulite tutti i giorni. Inizio a studiare il tedesco per cambiare lavoro, sistemo l’armadio, smetto di rimandare.

L’inizio è sempre carico di energia e di aspettative, specie se sei partita con l’idea di cambiare la tua quotidianità abbastanza drasticamente: il primo e il secondo giorno l’entusiasmo della novità ti sostiene, il terzo e il quarto cominci ad avvertire la fatica, al quinto ti dai qualche scusante, al settimo tutti i buoni propositi sono andati in fumo. E sei frustrata. Succede perché hai cercato di modificare troppo velocemente le abitudini senza dare al corpo, alla mente e allo spirito il tempo di metabolizzarle.

Come abbiamo imparato nei mesi scorsi, cambiare abitudini in modo duraturo è l’obiettivo del metodo The Miracle Morning (TMM), messo a punto da Hal Elrod, motivatore statunitense oggi noto in tutto il mondo.

Il suo successo e la sua diffusione sono dovuti principalmente al fatto che semplicemente FUNZIONA e si può mettere in pratica immediatamente. Se ancora non l’hai fatto ti invito a leggere il libro (o a rileggerlo).

Ripassiamo brevemente il metodo.

Come prima cosa prevede uno sforzo consapevole per alzarsi al mattino “CON UNO SCOPO” un’ora prima del solito e utilizzare in questa ora alcune pratiche quotidiane chiamate LIFE SAVERS, ovvero SALVAVITA. Se mi hai seguito nei mesi scorsi hai letto diversi spunti per fare in modo di personalizzare i tuoi SAVERS, alcuni trucchi per svegliarti presto, altri per mantenere la disciplina.

Ricorda che ci vogliono tra i venti o trenta giorni per modificare un’abitudine e renderla stabile. Per questo TMM propone trenta giorni iniziali chiamati “la sfida dei trenta giorni che cambia la vita” in cui impegnarti ad eseguire i SAVERS con costanza.

Tutto il metodo è basato sull’assunto per ottenere quel che vuoi è necessario diventare “una nuova versione di te stessa” una nuova persona che può ottenere quell’obiettivo. I SAVERS sono pensati per accompagnarti nella crescita psicofisica essenziale per diventare quella persona. Ti fa lavorare sulla persona che sei oggi e quella che puoi diventare per ottenere l’obiettivo. Una volta che sei diventata la nuova persona, l’obiettivo sarà lì alla tua portata.

Come sapete, ho cominciato ad applicarmi a TMM a novembre di due anni fa, alzandomi tra le 5.45 e le 6 e ho già realizzato grandi cambiamenti nella mia vita.

Ma c’era qualcosa che ancora non girava bene, in vacanza ho capito cos’è e ve lo voglio raccontare.

Prima di tutto ho realizzato che la mia ora del mattino deve essere FINALIZZATA alla sola crescita personale, non al RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI.

C’è una sottile differenza. Soprattutto negli ultimi mesi tendevo a mescolare le attività dei SAVERS con le attività per realizzare l’obiettivo, con il risultato che mi sentivo un po’ “sopraffatta”. Troppa roba tutta insieme. Da settembre torno a dedicarmi al mattino alla mia crescita finalizzata.

La crescita finalizzata fa si che le attività del mattino scatenino intuizioni nel resto del giorno per le cose che devi fare e portare a termine, cose che non è necessario “fare” per forza al mattino. C’è il resto della giornata per farle. Tu diventi la persona che cambia il resto della giornata.

La seconda cosa che ho capito è che è davvero fondamentale non ignorare la sveglia. In vacanza ho riletto alcune parti del libro e ho ritrovato un concetto che avevo un po’ sottovalutato. Ve lo dico con parole mie.

“Il modo in cui si fa una cosa è il modo in cui si fa tutto”, ogni piccola cosa ha conseguenze sulle altre, prima fra tutte il rispetto della sveglia. Se posticipi la sveglia e ti giri dall’altra parte il messaggio che dai al tuo inconscio è che lavorare sulla tua crescita personale non è così importante, come se gli dicessi che non vuoi alzarti perché non vuoi cominciare a vivere davvero la tua vita “10 e lode” ma che vuoi vivere ancora la vecchia vita (che però, ricordi? non ti piace più).

Non si tratta di sentirsi in colpa, si tratta di cominciare a vivere DAVVERO.

La responsabilità è diversa dalla colpa. Prendere la responsabilità che da ora in poi le cose andranno diversamente è diverso che sentirsi in colpa perché fino ad ora non sono andate come volevamo. Si tratta di tracciare la nostra linea sulla sabbia. Di dire “Adesso basta”. E farlo.

Nel mese di luglio ero molto stanca e spesso ho posticipato la sveglia pensando che non avrei avuto più che tanto conseguenze, invece mi sono un po’ “rammollita”, mi sono data un sacco di scuse e non capivo che la confusione mentale che mi sono trascinata fino alle vacanze era figlia di questo semplice gesto. Ora mi dico “Alzati e basta. Just do it”. Non ti chiedere perché non vuoi farlo. Alzati quando hai deciso e non ci pensare.

L’ultima cosa che ho capito è che bisogna OSARE nel pensiero e nella dichiarazione dell’obiettivo. Fino a quando non tiriamo fuori i nostri VERI desideri perché ne abbiamo paura, stiamo inconsciamente creando delle RESISTENZE a quello che davvero vogliamo. Solo dopo che ci diciamo la verità e ce la ripetiamo tutti i giorni, con le affermazioni e la visualizzazione, solo allora la nostra mente svolterà davvero. Non importa se oggi l’obiettivo ti sembra una specie di follia. Raccontati la verità.

Quanto a me, quest’anno mi sono data un nuovo obiettivo che è il mio “vero” sogno dall’inizio del TMM: diventare una mattiniera delle 5.30. Sveglia alle 5.25 per alzarmi alle 5.30, senza se e senza ma. Ho bisogno di più tempo al mattino, la mia crescita personale dopo quasi due anni entra nel vivo perchè prima di dicembre ho delle date da rispettare e devo diventare velocissimamente la persona che realizza quelle date. Ho cominciato dalla settimana scorsa, facendo qualche giorno di “avvicinamento” e sta funzionando. Voglio credere che sia l’entusiasmo di settembre unito al fatto che la mia mente ha davvero cambiato direzione.

Un bacione, alla prossima.

Tully

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *